CIAO LUCA, GRAZIE DI ESSERE STATO TRA NOI

Visite: 46

All’alba dello scorso 29 luglio, all’età di 47 anni, Luca Rampin ci ha lasciato dopo una strenua lotta contro un male incurabile. Socio della Cooperativa Sociale Il Graticolato, già suo dipendente e amico di tanti che frequentano il Centro Paolo Sesto, Luca lascia in tutti noi un ricordo indelebile di bontà, di generosità, di buona volontà e di gratitudine.


Durante le esequie, svolte presso la chiesa parrocchiale di Arsego martedì 2 agosto, alla presenza di amici, di soci della cooperativa e di colleghi dell’azienda di Villa del Conte presso cui lavorava, il Presidente Lodovico Nalon – a nome di tutti – ha letto il breve messaggio che di seguito pubblichiamo:

Noi tutti, carissimo Luca, non possiamo che pensarti un mendicante di felicità nel buio dell’uomo, nel buio di una vita difficile e dolorosa; più che una strada, un cammino aspro dove hai sperimentato sconfitte, dolori, errori, fragilità, frutto di una umanità colpevole e ferita.
Hai saputo però mantenere sempre accesa la luce della tua umanità gentile, buona, riconoscente del bene incontrato, sapendo così farti voler bene da tanti che ti sono stati silenziosamente e pazientemente amici, senza imputarti colpe, anzi volendoti gratuitamente bene, perché non si poteva che volerti bene.
Allora, se noi che abbiamo il cuore di pietra siamo stati capaci di spezzare il pane con te, il cuore di Dio, che ha un cuore di carne, sicuramente ti ha accolto nella sua pace, nel suo amore, facendoti sedere al suo banchetto dove vieni servito dalla sua misericordia.
Ogni scelta della nostra vita, ci insegna Sant’Agostino, è sempre una scelta che pensiamo essere un bene, anche se è un male, tanto siamo assetati di felicità.
Interpretando la tua riconoscenza, la tua sensibilità, ringrazio quanti ti hanno voluto bene non lasciandoti solo, abbandonato ad una vita difficile e avara, desiderosi solo di sostenerti nel tormentato cammino di ricerca della tua dignità di uomo, di figlio amato da Dio.

Luca, perdonaci quando non siamo stati capaci di restarti accanto.
Ciao Luca, riposa in pace accompagnato dalla nostra amicizia e dalla nostra preghiera alla quale si uniscono anche le suore clarisse del monastero di Camposampiero.
L’acqua con cui sarai asperso ti lavi da ogni colpa, l’incenso con cui sarai onorato, ti accompagni al cospetto del Padre.
A me, a voi tutti, chiedo di accogliere il mio saluto a Luca con spirito di fede, come l’unica vera risposta al mistero della sofferenza e della morte; anche se testimoni vacillanti, vogliamo proclamare la certezza della resurrezione alla vita senza tramonto per tutti e per Luca.”

Ciao Luca, riposa in pace nella tomba del cimitero di Arsego dove abbiamo voluto che tu fossi deposto per averti, in qualche modo, vicino a noi. Il tuo ricordo e la tua profonda umanità ci saranno compagne nel lungo cammino che attende la “tua” cooperativa sociale.