CHIESTO ALL’INAIL UN CONTRIBUTO PER L’INSERIMENTO LAVORATIVO DI UN NUOVO DIPENDENTE CHE HA SUBITO UN INFORTUNIO SUL LAVORO

Visite: 35

Alle molteplici iniziative che in Ginestra puntano all’inserimento lavorativo di persone invalide e svantaggiate, oggi si aggiunge un nuovo capitolo.

Nei giorni scorsi, infatti, è stato presentato all’INAIL di Padova un progetto per l’inserimento lavorativo di una persona iscritta alle categorie protette ex articolo 18 della legge 68 sul collocamento obbligatorio.

In tale iniziativa viene inclusa per la prima volta la richiesta di un contributo specifico per l’acquisto di un muletto che ci consenta di affrontare una specifica postazione di lavoro affinché il nuovo assunto possa far fronte alle nuove commesse di lavoro che sono pervenute da alcune realtà produttive dell’Alta Padovana.

La piaga delle morti “bianche” e degli infortuni sui luoghi di lavoro, come è noto, è sotto gli occhi di tutti e in particolare della politica, dei sindacati e delle forze sociali ed economiche in genere.

Questo progetto rappresenta per la Ginestra una nuova frontiera dell’inserimento lavorativo, una nuova sfida foriera di sviluppi interessanti.